News

Scienziati scagionano il settore della carne

L’agricoltura ed il settore della carne vengono spesso messi alla gogna come killer del clima. Ma i risultati di una nuova ricerca affermano il contrario.

Continua…

News

Coraggiosi per libera scelta e contro il paternalismo

Jean-Luc Bezençon, consigliere di Stato del cantone Vaud, combatte con coraggio e con successo contro i tentativi delle autorità di patrocinare i visitatori dei ristoranti del quartiere artistico di Losanna.

Continua…

News

Grazie!

Un grazie di cuore a tutti coloro che, nonostante il continuo peggioramento della situazione della corona, infaticabilmente e spesso fino allo sfinimento, ci provvedono.

Continua…

Events

Rimanga informato

In questa rubrica attireremo la sua attenzione sui prossimi eventi, come l’Assemblea generale e altre attività dell’associazione nonché eventi culinari speciali, feste con grigliate ecc. Vale dunque la pena dare un’occhiata ogni tanto.

Continua…

News

La mucca non è un'assassina del clima

In un’intervista a schweizerbauer.ch, la veterinaria e docente tedesca Anita Idel spiega perché la mucca non è un’assassina del clima. Idel spiega come la mucca ha modellato i nostri paesaggi.

Continua…

News & Events

News

Scienziati scagionano il settore della carne

L’agricoltura ed il settore della carne vengono spesso messi alla gogna come killer del clima. Ma i risultati di una nuova ricerca affermano il contrario.

Continua…

News

Coraggiosi per libera scelta e contro il paternalismo

Jean-Luc Bezençon, consigliere di Stato del cantone Vaud, combatte con coraggio e con successo contro i tentativi delle autorità di patrocinare i visitatori dei ristoranti del quartiere artistico di Losanna.

Continua…

News

Grazie!

Un grazie di cuore a tutti coloro che, nonostante il continuo peggioramento della situazione della corona, infaticabilmente e spesso fino allo sfinimento, ci provvedono.

Continua…

Events

Rimanga informato

In questa rubrica attireremo la sua attenzione sui prossimi eventi, come l’Assemblea generale e altre attività dell’associazione nonché eventi culinari speciali, feste con grigliate ecc. Vale dunque la pena dare un’occhiata ogni tanto.

Continua…

News

La mucca non è un'assassina del clima

In un’intervista a schweizerbauer.ch, la veterinaria e docente tedesca Anita Idel spiega perché la mucca non è un’assassina del clima. Idel spiega come la mucca ha modellato i nostri paesaggi.

Continua…

News

Restate informati

La mucca non è un'assassina del clima

News

La mucca non è un'assassina del clima

In un’intervista a schweizerbauer.ch, la veterinaria e docente tedesca Anita Idel spiega perché la mucca non è un’assassina del clima. Idel spiega come la mucca ha modellato i nostri paesaggi. Dall’ultima glaciazione ad oggi, le mucche hanno avuto un ruolo cruciale nella conformazione del suolo. «Costruire il suolo significa anche legare il carbonio», continua la veterinaria. Poiché l’humus è costituito per oltre la metà dal carbonio, ogni tonnellata aggiuntiva di humus nel terreno alleggerisce l’atmosfera di circa 1,8 tonnellate di CO2. Perciò, la formazione del suolo rappresenta sempre un processo di “rilassamento dell’atmosfera”. Contrariamente a ciò che si crede attualmente, la mucca può anche contribuire a limitare il cambiamento climatico, sottolinea Idel. La mucca si situa al centro dell’importante ciclo del carbonio, il quale è a sua volta legato alla fotosintesi.

Ruttando, le mucche emettono metano, che è 25 volte più dannoso per il clima del CO2. Nonostante ciò, i bovini sono indispensabili per l’alimentazione mondiale grazie al loro contributo alla fertilizzazione del suolo ed alla limitazione del cambiamento climatico: se vengono allevati al pascolo in modo sostenibile, i ruminanti hanno il potenziale per immagazzinare il carbonio sotto forma di humus nel terreno. Le emissioni più elevate derivano dai fertilizzanti impiegati nelle grandi monocolture di mais e soia. Esse consumano molta energia e rilasciano ossido di azoto, che risulta 295 volte più dannoso per il clima rispetto al CO2. Grazie ai loro organi digestivi (rumine), mucche, pecore e bufali sono in grado di convertire l’erba dei pascoli in latte e carne. Per questo motivo, questi animali sono predestinati a sfruttare quei terreni che non possono essere sfruttati per le colture, ma possono essere protetti dall’erosione con il pascolo. Invece, alimentandoli con mangimi concentrati a base di mais, soia e cereali, questi animali vengono trasformati in concorrenti dell’uomo in ambito alimentare. Il latte e la carne provenienti da produzione intensiva sono solo apparentemente convenienti. Il conto viene presentato in un secondo momento. Infatti le monocolture minacciano la biodoversità e lo stoccaggio del CO2: i prati e le foreste (pluviali). Più persone vivono sulla terra, più risulta importante la fertilità del suolo per assicurare i raccolti, limitando nel contempo le emissioni dannose per il clima. (Dal comunicato stampa del gruppo imprenditoriale Salus)

1 / 5